Per informazioni

Accetto le condizioni di utilizzo al trattamento dei dati personali

Info sulla privacy

Il gruppo terapeutico come laboratorio di libertà espressiva

By Viola 2 anni ago1 Comment
Home  /  GRUPPI  /  Il gruppo terapeutico come laboratorio di libertà espressiva
Il presente contributo trae spunto dall’esperienza di conduzione di un gruppo terapeutico all’interno di una comunità psichiatrica a media protezione per pazienti adulti, attiva a Milano. Mediante l’utilizzo di alcuni stralci di seduta viene posta in luce la stretta connessione tra affermazione identitaria dei singoli e del gruppo e libertà di espressione, quale fondamento del setting analitico gruppale.
Fin dal suo avvio — sancito dal “passaggio di testimone” della conduzione del gruppo con la collega che lo aveva creato e condotto per oltre due anni — la mia esperienza di conduzione di un gruppo terapeutico costituito dagli ospiti di una comunità psichiatrica a media protezione situata in quartiere periferico di Milano è stata caratterizzata dal compito di ridefinire l’assetto di lavoro, fornendo il mio personale contributo alla rimodulazione di un’identità gruppale che pre-esisteva al mio arrivo. Una sfida complessa ed estremamente stimolante nel contempo, che ha richiesto da parte mia la progressiva definizione di uno stile relazionale e comunicativo che tenesse conto — fra le tante variabili coinvolte — innanzitutto del contesto istituzionale che fa da cornice al gruppo e delle caratteristiche peculiari degli utenti protagonisti dell’esperienza. Particolarmente prezioso si è rivelato a tal fine il contributo fornito dallo strumento della self-disclosure, che, aprendo una finestra sull’esperienza personale del terapeuta, ha il potere di “umanizzarlo” agli occhi del gruppo. Come accaduto quando, durante una seduta per lunghi tratti caratterizzata da descrizioni eccessivamente severe da parte di molti membri del gruppo rispetto alle proprie reali capacità, ho scelto di citare un episodio avvenuto durante i miei studi universitari, allorquando di fronte all’espressione del volto, evidentemente non proprio entusiasta, da me esibita nel corso ed al termine di un colloquio, il docente che mi stava esaminando mi chiese se fossi soddisfatto della mia performance. Alla mia risposta negativa, questi aveva commentato con tono scherzosamente severo:“Lei si limiti a fare l’allievo! Qui il docente sono io e spetta a me il compito di valutare: a mio giudizio lei merita il massimo dei voti”.

 

La narrazione di questo semplice episodio, oltre a catturare l’attenzione del gruppo, ha segnato un momento di grande vicinanza emotiva, nel quale è stato pienamente colto l’intento di porre in luce lo scarto negativo che talvolta si crea tra la percezione che si ha di sé ed il proprio reale funzionamento.

Il processo di (ri)definizione dell’identità gruppale ha inevitabilmente necessitato di un fisiologico periodo di adattamento al nuovo terapeuta, al suo stile di conduzione, al suo personale registro comunicativo. Più volte, nel corso dei mesi, è Piera, paziente storica del gruppo, a dar voce a questo lavorìo: “All’inizio ho faticato ad adattarmi al suo modo di condurre: non capivo perché non desse una risposta immediata alle cose che dicevamo o perché ascoltasse in silenzio diversi nostri interventi prima di dire qualcosa…”.

Cedere alla tentazione di ricorrere a riferimenti didattici o iper-tecnici, rifugiandosi in essi nel corso dei passaggi più delicati e rischiosi del lavoro, sarebbe stato un po’ come costringere qualcuno all’interno di un abito preconfezionato, rinunciando — per timore dell’incertezza dell’esito — all’inimitabile eleganza propria di un abito cucito su misura. Come pretendere del resto che i nostri pazienti acquisiscano piena autonomia di pensiero ed una sempre maggiore consapevolezza di Sé e delle proprie scelte — obiettivo precipuo di qualsiasi trattamento ad orientamento psicoanalitico— se per primi noi terapeuti non proponiamo loro una testimonianza concreta in tal senso?

Un proposito ambizioso che spesso però si trova a dover fare i conti con la realtà di percorsi riabilitativi infarciti di attività pratico-manuali che spesso ottengono il solo risultato di distogliere il paziente dall’intensità dei propri vissuti emotivi (quasi fossero uno spauracchio da rifuggire) sovraccaricandolo di impegni. Uno dei rischi insiti in questa sorta di iper-riabilitazione consiste quindi nel finire per rinforzare la spinta ad un’adesione acritica all’ideale dominante della felicità ad ogni costo, all’interno del quale ovviamente non trovano cittadinanza parole come: dolore, sofferenza, eccentricità (intesa nella duplice accezione di collocazione spaziale esterna rispetto al centro e di diversità rispetto alla massa).

In tale orizzonte, da generica indicazione di massima sul proprio funzionamento mentale e sulle prospettive di cura, la diagnosi diviene, nella percezione dei pazienti, un’etichetta quasi indelebile, capace di segnare il solco di un percorso dal quale appare difficile perfino immaginare di affrancarsi. Emblematici in tal senso i costanti e puntuali riferimenti proposti per lungo tempo nel corso dei mesi da una paziente con una diagnosi di disturbo borderline di personalità (peraltro solo una delle tante diagnosi da lei “collezionate” negli anni), ispirati da un tentativo quasi disperato di comprendere se davvero quella definizione tecnica fosse in grado di descrivere finalmente e compiutamente la propria identità. Non meno significativo lo sgomento espresso da un paziente venticinquenne rispetto all’esito di una recente visita di controllo periodico, in seguito alla quale gli è stata certificata una invalidità del 100%; un’espressione che alle sue orecchie è risuonata in tutta la sua terrificante concretezza come una condanna inappellabile, capace di compromettere il suo futuro professionale ed umano.

La mia personale esperienza di conduzione, tuttora in corso, trae senz’altro beneficio dal fatto di svolgersi all’interno di un’istituzione sensibile alla capacità terapeutica del dispositivo gruppale. Determinante in tal senso la presenza, a capo dell’équipe, di un responsabile con una formazione psicoanalitica e specifica sulla psicoanalisi di gruppo, il quale ha elaborato la proposta terapeutica rivolta agli ospiti della comunità in modo tale che la conduzione del gruppo sia affidata ad una figura esterna rispetto all’équipe, seppure in costante collaborazione con essa. Un fattore che ha consentito la creazione, sotto il profilo simbolico e concreto, di uno spazio connotato, nella percezione del gruppo stesso, da una piena libertà di espressione, e dotato pertanto di un reale potere trasformativo. Percezione pienamente espressa da un passaggio della XXXIII seduta, durante il quale l’attenzione del gruppo si concentra sul tema dell’identità ed io domando: “E allora qual è il tratto distintivo del nostro gruppo?”. Subito Greta risponde: “La libertà di espressione”. “Sì” — le fa eco Piera:“Qui siamo liberi di parlare senza essere giudicati”.

Un intreccio, quello tra affermazione identitaria e libertà espressiva, che riemerge qualche settimana dopo, all’interno di una seduta durante la quale vengono narrati sogni in cui campeggiano figure connotate in termini negativi, per via del tratto autoritario che le contraddistingue: una severissima professoressa di matematica al cui cospetto Stefania si trova immancabilmente impreparata o l’operatrice “comandina” con la quale Piera davvero non riesce a sentirsi a proprio agio.

A questo vissuto di subalternità ed inadeguatezza fa da contraltare, appena qualche istante dopo, la descrizione proposta dal gruppo riguardo alla propria esperienza all’interno del nostro specifico setting:“Lei” — commenta Piera rivolgendosi al terapeuta — “è l’unico Dottore che non ci dice cosa dobbiamo o non dobbiamo fare e che non ci rimprovera mai, nemmeno quando a qualcuno di noi squilla il cellulare durante la seduta! Ascolta le cose che dice ciascuno di noi e dopo un po’ le lega insieme, dando ad esse un significato a cui da soli non avremmo mai pensato…”. Greta, quindi, conclude: “Forse lascia semplicemente che le cose accadano, per vedere che direzione prendono… Ed oggi i suoi silenzi non mi fanno più paura”.

Note sull’Autore

Michele Castelli

Psicologo, specializzando in Psicoterapia presso l’Istituto Italiano di Psicoanalisi di Gruppo (I.I.P.G) di Milano. Svolge attività clinica in ambito libero-professionale a Milano e nella provincia di Pavia.

Category:
  GRUPPI
this post was shared 0 times
 100
About

 Viola

  (1 articles)

One Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Top